Migliori scarpe running Adidas

Quali sono le migliori scarpe running Adidas? Dopo averle testate, ho stilato la classifica dei modelli da corsa più performanti per i piedi dei podisti.

Adidas Galaxy 5

recensione Adidas Galaxy 5

Pro

  • Prezzo basso
  • Peso piuttosto leggero
  • Intersuola con efficace ammortizzazione
  • Buona traspirazione

Contro

  • Slittamento del tallone
  • Adatte solo per corse di breve distanza e allenamenti poco intesi

Adidas Galaxy rientra nei modelli più economici presenti nel listino delle scarpe da running proposte dall’azienda tedesca. Si tratta di un modello caratterizzato da uno stile alquanto semplice e senza utilizzo di materiali avanzati o sofisticate tecnologie al fine di aumentare le prestazioni.

I punti di forza sono, secondo la mia opinione, l’elevata versatilità unita ad un prezzo molto economico. Infatti, sono scarpe dal costo accessibile a tutte le tasche e da indossare anche ogni giorno al lavoro o nel tempo libero.

Rappresentato una buona soluzione per allenarsi in palestra, correre sul tapis roulant, effettuare corse all’aperto di breve distanza oppure lunghe passeggiate. Sicuramente non è un modello progettato per runner di un certo livello che cercano calzature con determinate caratteristiche tecniche e il comfort necessario per affrontare gare e allenamenti impegnativi.

Adidas Galaxy sono scarpe da running dal peso piuttosto leggero, con buona circolazione d’aria grazie alla tomaia traforata e con un’apprezzabile vestibilità. L’ammortizzazione offre una piacevole sensazione di morbidezza sotto il piede e l’ampia base di appoggio permette di distribuire uniformemente la pressione durante l’impatto con il terreno.

I principali punti deboli sono qualche slittamento di troppo del tallone e una qualità costruttiva complessiva che poco si presta ad allenamenti quotidiani e usi molto intensi. In conclusione, è un modello adatto a principianti, corridori con appoggio neutro senza grandi pretese e per coloro che desiderano indossare scarpe confortevoli durante una passeggiata.

Adidas Solar Drive ST

recensione Adidas Solar Drive ST

Le Adidas Solar Drive ST sono scarpe da allenamento per la corsa sull’asfalto, adatte alle superfici compatte o moderatamente sterrate, in grado di offrire un supporto neutro per l’arco plantare e un design moderno e accattivante.

Sono caratterizzate da un peso di 306 grammi, sia nelle versione maschile che in quella femminile, con un battistrada compatto che utilizza la tecnologia Stretchweb, che prevede l’inserimento di uno strato aggiuntivo nella suola per proteggere il piede, limitando allo stesso tempo l’usura della scarpa durante la corsa.

L’intersuola in TPU è abbastanza ammortizzata, con una discreta capacità di assorbimento degli urti, mentre la componente aggiuntiva Solar Propulsion Rail stabilizza il piede e lo direziona nella fase di spinta. La tomaia è in mesh ingegnerizzato, con una struttura particolare sull’avampiede che offre maggiore flessibilità.

Sia la linguetta che il colletto sono imbottiti, con una serie di sovrapposizioni laterali che garantiscono una stabilità più affidabile; per la sicurezza sono stati inseriti dei dettagli riflettenti che aumentano la visibilità notturna, una soluzione utile per chi predilige gli allenamenti serali.

L’acquisto di questo modello offre diversi vantaggi, infatti si tratta di una scarpa di buona qualità, piuttosto reattiva, dotata di un design originale e ricercato, in grado di fornire una trazione sicura ed efficiente. Qualche problema si riscontra sulla traspirabilità, non sempre eccellente, sul dimensionamento e sulla rigidità della struttura.

Complessivamente le Adidas Solar Drive ST hanno un prezzo accessibile, sono abbastanza confortevoli e durevoli. Nonostante qualche fastidio nelle corse di lunga durata, per gli allenamenti moderati sono un prodotto valido e affidabile.

Adidas Adizero Boston 10

Recensione Adidas Adizero Boston 10

Pro

  • Adatte per lunghe distanze
  • Suola molto resistente
  • Ottima trazione anche sul bagnato
  • Elevata stabilità

Contro

  • Peso superiore alla Boston 9
  • Scarsa sensibilità sotto i piedi
  • Linguetta piatta senza imbottitura
  • Poco adatta a climi caldi

Ciò che subito colpisce osservando queste Adidas Adizero Boston 10 è l’aspetto estetico. Il design risulta caratterizzato dalla suola di grande spessore con tacco e avampiede alti rispettivamente 31 e 38 millimetri e tomaia elegante dallo stile vintage.

L’intersuola è realizzata da uno strato in morbida schiuma Likestrike e da una lastra in Lightstrike Pro molto più solida. Inoltre, integra il sistema Energyrods ovvero l’inserimento di 5 barre in vetroresina nella parte anteriore seguendo le ossa metatarsali. Tale configurazione rende la scarpa stabile e più rigida rispetto alla maggior parte dei modelli ad appoggio neutro presenti sul mercato. Infatti, nonostante l’intersuola così massiccia avvertiamo sotto il piede una sensazione non di grande morbidezza e uno scarso effetto rimbalzo.

Le suddette caratteristiche si adattano maggiormente a corse su lunghe distanze, piuttosto che a brevi allenamenti quotidiani. Comunque, sono scarpe che proteggono dagli impatti efficacemente e consentono di prendere il ritmo e mantenerlo per molti chilometri con naturalezza. Non sono, invece, un modello che consiglio per corse a ritmi veloci alla ricerca del tempo. In questi casi incide negativamente il peso di 294 grammi, nonché la poca sensibilità sotto i piedi per via dell’elevato spessore dell’intersuola.

Per quanto riguarda la vestibilità, osservando la parte posteriore si nota una certa ristrettezza della zona che accoglie il mesopiede. In lunghezza, invece, non c’è alcun problema e acquistando la taglia calzata abitualmente otteniamo tutto l’agio necessario in punta.

La tomaia, come ho già accennato, presenta un’estetica accattivante ma prestazioni non eccezionali. Innanzitutto, la linguetta a soffietto è piatta e senza imbottitura, impedendo di stringere con forza la parte superiore. La conseguenza è un tallone con qualche movimento di troppo. In secondo luogo il tessuto ha due strati, val a dire la classica rete mesh con in più un rivestimento in materiale plastico trasparente e ruvido. A tutto questo si aggiungono inserti in pelle scamosciata sulla punta che contribuiscono ad aumentare lo spessore. Il risultato è una tomaia sicuramente molto resistente, ma nel contempo poco traspirante e inadatta a climi caldi.

La suola realizzata in gomma Continental è una delle più resistenti che abbia mai provato. Ciò significa poter percorrere centinaia di chilometri e mantenere un battistrada con buona trazione e tenuta anche su bagnato. L’unico aspetto negativo è una certa rumorosità quando corriamo su superfici dure.

Adidas Adizero Boston 10 sono scarpe progettate per allenamenti su strada e affrontare corse di media e lunga distanza a ritmo tranquillo e costante. In tali condizioni godiamo di un buon comfort, adeguata protezione dagli impatti e un efficace blocco dell’interpiede, nonché una suola con molto grip e di lunga durata.

Adidas ZX 1K Boost

recensione Adidas ZX 1K Boost

Pro

  • Adatte per brevi corse o lunghe passeggiate
  • Comode per chi deve rimanere in piedi molte ore
  • Intersuola con doppia ammortizzazione
  • Buona traspirazione
  • Utilizzo di materiali riciclati

Contro

  • Punta stretta
  • Linguetta non imbottita

Adidas ZX 1K Boost sono scarpe da corsa molto versatili e progettate per assicurare un notevole comfort in ogni situazione. Ciò significa poter effettuare lunghe passeggiate, brevi allenamenti su strada oppure indossarle al lavoro dovendo rimanere in piedi l’intera giornata. Il tutto senza scendere a compromessi con l’aspetto estetico grazie ad uno stile moderno ed elegante, a cui aggiungere un prezzo piuttosto abbordabile.

Il principale vantaggio è, senza dubbio, l’estrema comodità che si percepisce immediatamente. Il piede viene avvolto e tenuto ben stabile durante i movimenti, tuttavia devo sottolineare due particolari a mio avviso negativi. Il primo riguarda la punta decisamente stretta e pertanto poco adatta ad accogliere piedi con pianta larga che necessitano di maggior spazio. In secondo lungo, la linguetta non imbottita potrebbe causare qualche fastidio al collo del piede e impedire di stringere con forza i lacci.

L’intersuola offre un’efficace doppia ammortizzazione ben distribuita su tutto l’arco plantare, il che rende alquanto piacevoli i brevi allenamenti quotidiani all’aperto. Grazie alla tomaia in tessuto mesh possiamo impiegare le scarpe nelle stagioni più calde, godendo di un’elevata ventilazione che dissipa rapidamente calore e umidità.

Adidas ZX 1K Boost sono scarpe caratterizzate da forme piuttosto abbondanti, ciò nonostante mantengono il peso entro valori più che accettabili. Un modello che fa della comodità e versatilità i suoi punti di forza, assicurando un adeguato comfort durante brevi e poco intense corse su asfalto oppure in palestra sul tapis roulant, nonché per affrontare le quotidiane attività lavorative o di svago. Le calzature saranno gradite anche da chi presta particolare attenzione alla tutela ambientale visto l’utilizzo di materiali riciclati.

Adidas UltraBOOST 22

recensione Adidas UltraBOOST 22

Pro

  • Molto confortevoli
  • Buona reattività
  • Bassa usura
  • Adatte sia per corse brevi che lunghe distanze
  • Stile elegante
  • Ampia selezione di colori

Contro

  • Prezzo elevato
  • Scarso drenaggio durante corse sotto pioggia battente

Adidas UltraBoost è una scarpa da running studiata per offrire buone prestazioni durante la corsa, avendo però un particolare occhio di riguardo per lo stile. In tal senso, gli ingegneri dell’azienda tedesca hanno disegnato una calzatura elegante da poter indossare tutti i giorni e adatta per qualsiasi circostanza informale. Inoltre, abbiamo a disposizione anche un’ampia scelta di colorazioni per soddisfare ogni nostra esigenza estetica.

Una delle peculiarità di questo modello è la versatilità, vale a dire sfruttare le scarpe per brevi allenamenti quotidiani su strada oppure percorrere lunghe distanze. In ogni caso beneficiamo di un notevole comfort grazie al perfetto adattamento alla forma del piede, peso nella norma pari a 303 grammi e intersuola Ultra Boost con elevata ammortizzazione.

La scarpa è caratterizzata da una certa flessibilità e reattività, presenta un drop di 10 millimetri e un tacco alto 22 millimetri. Apprezzabile anche la resistenza complessiva, nonché la durata della suola Continental che assicura una buona tenuta e nel contempo permette di percorrere fino a 500 / 600 chilometri prima di mostrare segni di cedimento.

Adidas UltraBoost è, a parer mio, una scarpa da running che combina lo stile elegante adatto alla vita di tutti i giorni con elevate prestazioni. Ciò significa potersi allenare con la medesima comodità su brevi e lunghe distanze, nonché percorsi all’aperto oppure allenamenti sul tapis roulant in palestra.

Il rovescio della medaglia è un prezzo abbastanza alto non certo alla portata di tutte le tasche, anche se possiamo trovare interessanti offerte. A parte quest’ultima considerazione, l’unico punto debole che ho riscontrato è uno scarso drenaggio in caso di pioggia battente, offrendo la sgradevole sensazione di correre con i piedi immersi nell’acqua.

Adidas Supernova

recensione Adidas Supernova

Pro

  • Adatte per chi corre atterrando sul tallone
  • Elevata aderenza del battistrada
  • Numerosi elementi riflettenti
  • Prezzo abbordabile

Contro

  • Non adatte per correre lunghe distanze
  • Punta stretta
  • Tomaia entry level
  • Serve un periodo di adattamento
  • Poco traspiranti nelle stagioni calde
  • Peso eccessivo

Adidas Supernova è una scarpa da corsa entry-level con comfort nella media e progettata per corridori neutri che percorrono pochi chilometri di tanto in tanto. Adotta tecnologie di base ad eccezione del tallone con schiuma Ultraboost, il che la rende adatta per chi corre atterrando sul calcagno. La rigidità dell’intersuola e la stabilità buona ma non eccezionale, rendono questo modello una scelta sconsigliata per correre lunghe distanze.

Il peso di 312 grammi è un valore abbastanza alto se confrontato con la media di categoria. Ciò nonostante non si avverte più di tanto, sempreché non esageriamo con il chilometraggio. L’intersuola è stabile quanto basta per consentire l’uso senza particolari problemi anche a corridori pesanti. Un punto di forza di questo modello è l’elevata resistenza, tanto che dopo aver percorso oltre 60 chilometri non si notano ancora segni di usura. Da sottolineare il grip del battistrada che assicura una buona trazione anche su asfalto bagnato e le classiche tre strisce oblique realizzate in materiale riflettente.

Tra gli aspetti negativi evidenzio la punta piuttosto stretta che poco si adatta a piedi dalla pianta larga e la tomaia molto economica realizzata in normale tessuto. Quest’ultimo particolare compromette la traspirabilità durante l’uso nei periodi più caldi.

In conclusione, Adidas Supernova è una scarpa da corsa neutra realizzata senza particolari accorgimenti tecnici e richiede un periodo di adattamento per prendere la giusta confidenza. Rappresenta una valida scelta per corridori alle prime armi che dispongono di un budget limitato.

Non è un modello progettato per lunghe distanze o chi desidera una calzatura leggera e veloce. Viceversa se stiamo cercando una calzatura per fare jogging, allenarsi 1-2 giorni alla settimana correndo al massimo 3 / 4 chilometri o da indossare durante le attività quotidiane, è un acquisto che consiglio.