Reebok All Terrain Sprint

Le nostre opinioni sulla scarpa da running Reebok All Terrain Sprint, la recensione comprende caratteristiche, pro e contro e comparazione prezzi.

Reebok All Terrain Sprint

Le caratteristiche principali di questa scarpa Reebok All Terrain Sprint sono il peso ridotto e la sua capacità di mantenere l’acqua e il fango all’esterno. La mancanza di imbottiture è un buon modo per mantenere l’acqua all’esterno, non essendovi componenti in grado di assorbirla. Inoltre, minore è l’ ammortizzazione, minore è anche il peso della scarpa.

La vestibilità stretta della scarpa è un’altra caratteristica utile a non fare entrare l’acqua. Ad ogni passo, il corridore spinge l’acqua lontano dalla scarpa attraverso i numerosi fori nel mesh e nell’intersuola, e non vi è nessuno spazio attraverso il quale l’acqua possa entrare.

Infine, i tacchetti non solo offrono una trazione elevata su quasi tutti i tipi di terreno, ma sono anche posizionati strategicamente per evitare che il fango si attacchi alla suola. Finchè la suola non accumula fango, la scarpa continuerà ad essere molto leggera.

Questa scarpa è indicata per i corridori neutri. Infatti, si tratta di un modello che non offre nessun tipo di controllo per l’iperpronazione. Lo stile minimalista di questa scarpa permette ai corridori un movimento il più naturale possibile.

Questa scarpa è in grado di affrontare anche i terreni che presentano molti ostacoli. Permette infatti di correre su terreni fangosi o che presentino sassi, corde, superfici scivolose, erba e così via. E’ un modello indicato per  essere utilizzato su qualsiasi tipo di terreno.

Questa scarpa è indicata per le gare e per chi vuole lavorare per migliorare la propria velocità. La maggior parte dei corridori sceglie quindi di utilizzarla per gli allenamenti veloci o per le gare. Tuttavia, se usata in queste situazioni, questa scarpa dallo stile minimalista non ha una durata di vita che può andare oltre quella standard.

La suola è in grado di resistere alle condizioni più difficili per un tempo molto lungo. A meno che non subisca un danno davvero ingente, anche la tomaia mostra una buona resistenza.

L’adattabilità al piede è il problema maggiore di questa scarpa. Si tratta di un modello che avvolge il piede e che può risultare troppo stretto per i corridori con piedi leggermente più larghi della media. E’ molto importante provarla per trovare il modello più adatto. La Reebok offre questa scarpa in due varianti per uomo e per donna.

Per trovare il numero e la variante più adatta a voi, cercate di camminare un po’ con la scarpa dopo averla provata. I numeri disponibili vanno da 38 a 50 nella versione per uomo e da 35,5 a 46 per la versione da donna.

Il peso della versione da uomo è 205 grammi, quello della versione da donna è soltanto 159 grammi. Si tratta di una scarpa molto leggera, indicata per scattare verso il traguardo.

La suola esterna presenta ben 47 tacchetti quadrati in grado di offrire una trazione elevata in direzioni diverse. Inoltre, i tacchetti più esterni aumentano la presa sul terreno quando si corre su piste scivolose. Si tratta di una scarpa indicata anche per il climbing.

L’intersuola presenta uno strato molto sottile in schiuma e il sistema rock shield che separa il piede dalla suola. Questa tecnologia è uno dei motivi principali per cui la scarpa risulta molto leggera. Tuttavia, i runner che ricercano una scarpa in grado di offrire una buona ammortizzazione potrebbero trovare lo stile di questo modello eccessivamente minimalista.

La tomaia in plastica e mesh è molto leggera ed è in grado di mantenere l’acqua all’esterno e assicurare una buona traspirabilità. Il sistema di allacciatura in materiale sintetico migliora la vestibilità.

La scarpa ha un profilo piuttosto basso e un tallone alto 23 mm. Questa altezza dovrebbe essere sufficiente per la maggior parte dei corridori che appoggiano prima il tallone, ma è indicata soprattutto per chi atterra con l’avampiede. L’altezza di 20 mm a livello dell’avampiede offre sostegno e protezione sufficienti. Si tratta di un buon compromesso che consente di sentire il terreno come se si indossassero delle scarpe barefoot, senza però rinunciare alla protezione.

I corridori che amano lo stile minimalista apprezzeranno il drop tallone avampiede di soli 3 mm di questo modello. Si tratta di un drop indicato per un movimento naturale, in grado però di offrire un supporto superiore rispetto a quello delle scarpe barefoot.

L’ammortizzazione a livello del tallone è piuttosto bassa e questo può rappresentare un problema per corridori che colpiscono il terreno in maniera molto brusca con questa parte del piede. La stessa ammortizzazione ridotta del tallone si ritrova a livello dell’ampiede. A questo livello, la scarpa presenta una piattaforma leggermente più rigida e indicata per gli sprint.

Ad eccezione della tomaia piuttosto rigida, che non si adatta molto alla forma del piede, il resto della scarpa è molto flessibile. La flessibilità è una caratteristica della maggior parte delle scarpe minimaliste, anche di quelle indicate per correre su terreni difficili.

La Reebok ha implementato un’intersuola interna per aumentare la stabilità. Tuttavia, la stabilità di questo modello è piuttosto bassa, dal momento che non presenta funzioni di controllo per l’iperpronazione.

Migliori scarpe running Reebok