Migliori scarpe running Mizuno

Quali sono le migliori scarpe running Mizuno? Dopo averle testate, ho stilato la classifica dei modelli da corsa più performanti per i piedi dei podisti.

Mizuno Wave Rider 25

recensione Mizuno Wave Rider 25

Pro

  • Adatte per pronatori
  • Peso leggero
  • Efficace ammortizzazione
  • Buona traspirazione
  • Suola resistente
  • Utilizzo di materiale riciclato

Contro

  • Prezzo alto
  • Drop eccessivo

Mizuno Wave Rider 25 è una scarpa da running dal design piuttosto classico. Un modello dalla buona stabilità, peso leggero di soli 269 grammi e progettato per l’allenamento quotidiano di corridori con appoggio neutro del piede o leggera pronazione, nonché tendenza ad atterrare sui talloni.

Intersuola e tomaia offrono piacevoli e costanti sensazioni durante tutta la corsa, assicurando anche una notevole traspirazione grazie al sottile tessuto mesh con numerosi fori. Sottolineo la scelta dell’azienda giapponese di impiegare solo materiali riciclati, avendo un occhio di riguardo alla tutela ambientale.

Passando alle prestazioni, le scarpe sono piuttosto avvolgenti pur offrendo lo spazio necessario per accogliere piedi con pianta larga. Nel complesso sono calzature confortevoli quanto basta per affrontare corse di media distanza.

Comunque non si tratta di un modello particolarmente reattivo e adatto a gare o allenamenti veloci. Lo stack davvero importante pari a 38,4 millimetri è un dato da tenere ben presente e potrebbe risultare incompatibile con il proprio stile di corsa. Oltretutto il drop molto accentuato avrebbe dovuto prevedere un appoggio leggermente più ampio dei 111,3 millimetri dell’avampiede e 89,5 millimetri del tallone.

Altri utili particolari riguardano la presenza di una soletta removibile di 5,5 millimetri per incrementare il comfort, linguetta a soffietto spessa 7,8 millimetri con adeguata imbottitura e suola da 4,4 millimetri con gomma piuttosto dura per garantire una lunga durata, nonché scanalature per aggredire anche percorsi sterrati.

Le scarpe da running Mizuno Wave Rider 25 rappresentano una scelta consigliata per principianti che si stanno avvicinando alla corsa. Una valida soluzione anche per corridori che hanno l’abitudine di atterrare sul tallone, potendo contare sul tacco molto spesso che ammortizza efficacemente l’impatto. Il maggior limite di questo modello è, secondo la mia opinione, il prezzo un po’ troppo alto per la qualità offerta e se confrontato con modelli concorrenti di pari caratteristiche.

Mizuno Wave Inspire 17

recensione Mizuno Wave Inspire 17

Pro

  • Adattamento alla forma del piede
  • Buona stabilità durante la corsa
  • Elevata trazione su tutte le superfici
  • Colletto del tallone molto comodo
  • Lunga durata
  • Adatta per corse con alte temperature
  • Non serve un periodo di rodaggio

Contro

  • Poche colorazioni disponibili

Mizuno Wave Inspire 17 è una scarpa da corsa con drop di 12 millimetri, altezza tacco di 31 millimetri e adeguato supporto dell’arco plantare. Il look è abbastanza semplice senza particolari pretese estetiche, come dimostra anche la poca scelta di colorazioni disponibili. Un modello che bada molto più alle prestazioni per garantire un utilizzo sempre con il massimo comfort e lunga durata nel tempo.

A tal proposito sottolineo subito una delle principali qualità, vale a dire l’adattamento alle dimensioni del piede. La parte anteriore offre lo spazio per accogliere le dita e assicurare l’agio necessario durante i movimenti. Un miglioramento evidente rispetto a precedenti versioni che, invece, presentavano punte piuttosto strette.

Altri particolari che incidono sulla comodità sono il morbido colletto attorno al tendine di Achille che evita sfregamenti, a cui si aggiunge una vestibilità davvero sorprendente per mantenere il piede sempre fermo e stabile. Ciò rende questa scarpa una scelta consigliata per pronatori con appoggio verso l’interno e rotazione della caviglia.

Secondo la mia opinione, sono calzature adatte per l’impiego in estate o comunque con alte temperature. La tomaia in tessuto mesh è stata migliorata per incrementare la traspirazione e favorire una miglior ventilazione interna. Anche la linguetta e il design dei lacci contribuiscono a rendere la corsa più leggera e ariosa.

Altrettanto soddisfacenti risultano trazione e presa su qualsiasi tipo di superficie sia asciutta che bagnata. Sebbene la suola X10 abbia un battistrada studiato per correre principalmente su asfalto, anche con ghiaia, erba e terra battuta il grip si mantiene di buon livello.

Il peso di 309 grammi è un valore che rientra nella norma dei modelli a stabilità moderata, non certo progettati per chi è alla ricerca delle massime prestazioni. Tuttavia, ciò che mi ha stupito è la sensazione di agilità e velocità che trasmette la scarpa, rendendo l’allentamento molto piacevole e divertente. Il merito va in parte alla qualità dell’intersuola che unisce un buon supporto con l’ammortizzazione ben bilanciata su tutta la lunghezza del piede.

Mizuno Wave Inspire 17 sono scarpe da corsa che hanno il pregio di farci sentire subito a nostro agio e non richiedono alcun periodo di rodaggio. Basta toglierle dalla scatola, indossarle e percorrere pochi chilometri per avvertire già un perfetto feeling. Un modello adatto per allenamenti quotidiani su strada di breve durata ma anche per affrontare lunghe distanze.

Mizuno Wave Ultima 12

recensione Mizuno Wave Ultima 12

Le Mizuno Wave Ultima 12 sono delle scarpe da corsa con una buona ammortizzazione, un rapporto qualità-prezzo interessante e un design moderno e accattivante. Il peso per il modello da uomo è pari a 320 grammi, mentre per quello da donna a soli 280 grammi. L’arco plantare è neutro, perciò non offre supporti particolari per problemi di iperpronazione o supinazione eccessiva.

Il battistrada è composto dal materiale X10, una combinazione di gomma e carbonio, che protegge la scarpa dall’usura con il suolo e garantisce una buona aderenza anche sulle superfici bagnate. Sulla zona dell’avampiede è stata inserita della gomma soffiata, per aumentare il comfort in questo punto. La tomaia risulta abbastanza traspirante, grazie a un tessuto leggero che favorisce la circolazione dell’aria.

L’intersuola invece è realizzata in U4ic, una schiuma compatta con buone capacità di assorbimento degli urti e di ammortizzazione, che consente di abbattere il peso del 30%.

Secondo la mia opinione questo modello è confortevole, adatto soprattutto alla corsa su strada e agli allenamenti, tuttavia bisogna provarlo, poiché alcuni podisti hanno riscontrato problemi di vestibilità.

Mizuno Wave Skyrise 2

recensione Mizuno Wave Skyrise 2

Pro

  • Buona stabilità
  • Elevata ammortizzazione
  • Tomaia molto resistente e traspirante
  • Comoda imbottitura attorno alla caviglia
  • Adatte sia per corse di breve che lunga distanza

Contro

  • Prezzo alto
  • Abbastanza pesanti

Mizuno Wave Skyrise 2 è una scarpa da corsa progettata principalmente per runners con appoggio neutro e alla ricerca di un modello versatile adatto sia per corse di breve che lunga distanza. Non sono calzature tra le più leggere avendo un peso di 290 grammi, ma comunque è un fattore che poco si avverte durante l’attività.

Queste scarpe sono studiate per offrire un’azione di rotolamento senza sfregamento del piede e un efficace ritorno di energia. Inoltre, beneficiamo di un confortevole assorbimento degli urti e un buon effetto rimbalzo per rendere la corsa più divertente.

Il merito di tali prestazioni va all’intersuola che utilizza la collaudata combinazione di schiume Enerzy, Xpop e U4IC, nonché la tipica forma ad onda nella zona del mesopiede per offrire un’esperienza di corsa comoda, soprattutto a ritmi moderati e regolari.

La schiuma Enerzy si trova sotto la soletta, lo strato U4IC conferisce il design ondulato, mentre Xpop si pone nel mezzo tra i due. Quest’ultimo è uno speciale materiale di colore giallo praticamente invisibile (si noto solo in un punto sotto la suola) che combina avanzate tecnologie per conferire maggior morbidezza e reattività, mantenendo le caratteristiche inalterate anche dopo 500 chilometri.

A tutto questo bisogna aggiungere anche la tecnologia SmoothRide. Vale a dire la particolare forma curva e flessibile dell’intersuola allo scopo di favorire una facile e fluida transizione dal tallone alla punta e un atterraggio con maggior stabilità.

La tomaia in tessuto mesh traforato e la tecnologia AIRmesh permettono una buona circolazione d’aria e il mantenimento di piedi freschi e asciutti nei periodi più caldi. Sottolineo anche la generosa imbottitura del colletto per accogliere comodamente la caviglia. La suola della scarpa è realizzata con gomma al carbonio X10 estremamente resistente, il che aiuta a migliorare la durata e nel contempo garantisce trazione e tenuta sulla maggior parte delle superfici.

Mizuno Wave Skyrise 2 è un modello che unisce alcune delle più famose tecnologie messe a punto dall’azienda giapponese. L’obbiettivo è offrire una scarpa da corsa dal design accattivante, versatile, comoda e resistente nel tempo. Secondo la mia opinione, è una calzatura adatta per chi si allena tutti i giorni a ritmi moderati su lunghe distanze. Viceversa, non la ritengo la scelta più indicata per runners alla ricerca della massima prestazione o che desiderano calzature leggere, reattive e di elevata sensibilità.